Percorsi turistici - Nuovo sito Illorai

Illorai
Vai ai contenuti

Percorsi turistici

Itinerari
1° percorso                                                             
Iscuvudè - Nuraghe Mannuri - Punta S'Aspidarzu - S'Ena               
Si parte dall'area di sosta di Iscuvudè (M15),  attrezzata per il pranzo all'aria aperta con fontane (N16),  barbecue e banconi e nella quale è possibile campeggiare previa autorizzazione  (R5).
Nell'area boschiva di Iscuvudè è presente il noto innesto naturale tra leccio e  roverella (E25).
Tra Iscuvudè e l'adiacente parco Mannuri (E26) sono presenti impianti sportivi  per il calcio, il tennis e il tiro al piattello. Quest'ultimo, in località  Mandras, è raggiungibile seguendo la segnaletica subito dopo l'area di Iscuvudè  .
Spostandoci dall'area di sosta all'altro lato della strada, subito dopo il campo  sportivo si oltrepassa un cancello verde e si prosegue su strada asfaltata per  circa 200 metri fino al bivio che segnala a destra il nuraghe Mannuri (A31)  e a sinistra la località S'Ena.
Proseguendo a destra per 300 metri su strada sterrata, si scorge il nuraghe,  interessante anche come punto panoramico.
Proseguendo a sinistra per 300 metri sulla strada asfaltata troviamo un bivio  con l'indicazione a destra per S'Ena e a sinistra per pineta S'Aspidarzu (E27).
Proseguendo a sinistra su strada asfaltata inizia un percorso circolare, di  circa km 2,5, attraverso una fitta area boschiva che fiancheggia i monti di S'Aspidarzu  e Cherbeddis.
Proseguendo a destra per 800 metri su una sterrata segnaliamo la fontana S.  Andria (N17)  e in corrispondenza di una biforcazione possiamo:
- proseguire dritti per raggiungere direttamente la località S'Ena;
- svoltare a destra tra boschi di leccio e roverella lungo una sterrata in cui  si trovano alcune sorgenti, per giungere ugualmente alla località S'Ena,  notevole punto naturalistico (E32).
Arrivati in corrispondenza della fontana S'Ena (N18) si prosegue, fiancheggiando  sulla destra il Monte Unturzu, sino a scorgere sulla destra il liscione roccioso  "Rocca 'e Coronas" di notevole bellezza. Proseguendo sul sentiero noto come  Bubulucò si arriva al rione Sa Turre di Illorai.
IL PERCORSO NEI SUOI PARTICOLARI
Dopo la visita alle località di Jscuvudè e Mannuri,  attrezzate come aree di sosta, proseguiamo verso il nuraghe Mannuri, sempre  all'interno del Demanio Comunale, facilmente raggiungibile perché ben segnalato  da cartelli. Interessante anche come punto panoramico, il nuraghe è stato  edificato alla quota 896 su uno spuntone roccioso che sfrutta come appoggio e  dal quale si affaccia l'ingresso. Attualmente per evitare l'arrampicata  pericolosa verso l'apertura architravata, si consiglia l'ingresso dall'alto  della scala, della quale è perfettamente leggibile la struttura e dove manca la  parte terminale. Qui si univano il paramento esterno con quello interno, che  convergevano a chiuderla superiormente secondo un profilo ogivale.
La scala elicoidale si sviluppava all'interno dello spessore murario che così  inglobava il vano e allo stesso tempo lo proteggeva e lo nascondeva.
Sempre dall'alto, nel terrazzo, si può meglio cogliere lo sviluppo planimetrico  della struttura in scisto, con la camera centrale circolarecon la tholos ormai  crollata. Particolarmente interessanti risultano essere le due nicchie che si  aprono all'interno della camera con una pianta ad L.
Proseguendo sulla strada che attraversa una fitta area boschiva, inizia un  percorso circolare durante il quale fiancheggeremo Punta S'Aspidarzu (quota  978), ben segnalata come sentiero natura dal Comune di Illorai, e Punta  Cherbeddis (quota 968).
Seguendo le segnalazioni ci addentriamo in località S'Ena. Su strada bianca  attraversiamo il bosco di leccio e roverella, incontrando lungo il cammino  alcune fonti sino a giungere alla fontana di S'Ena. Fiancheggiamo il Monte  Unturzu sino a scorgere l'affioramento roccioso di Rocca e Coronas ben noto agli  abitanti di Illorai per la sua particolare forma e bellezza.
Proseguendo sul sentiero Bubulucò si raggiunge il rione Sa Turre ad Illorai dove  si concluderà l'itinerario.
Illorai
Questa pagina è stata realizzata da    Giambattista Attene senza alcun contributo statale, regionale provinciale o    comunale
mailto:giambattene@tiscali.it      tel 3283026101
Illorai, 22.02.2000 - ultimo agg.    febbraio 2020 Tutti    i diritti sono riservati   
  
Torna ai contenuti