Gavino Leone - Nuovo sito Illorai

Illorai
Vai ai contenuti

Gavino Leone

Illoraesi
Gavino Leone, è nato a Illorai (SS) il nove novembre 1939. Ha studiato nei seminari di Ozieri e Cuglieri (NU) fino al sacerdozio ricevuto il 15 agosto 1963. E' diventato giornalista pubblicista in data 1° febbraio 1989. Per un arco di quarant'anni ha collaborato al settimanale diocesano Voce del Logudoro del quale è stato anche direttore responsabile  dal 1999 al 2012. Sono due i filoni da lui svilppati in numerosi articoli: il clero diocesano e le chiese presenti nel territorio del Goceano. La storia del paese di Illorai è la sua opera prima.
  
Ogni giovane che parte dal paese natio per seguire la sua stella, ripone nel suo subconscio tutti i ricordi dell'infanzia, sovrapponendovi nuove esperienze, altri visi e diversi luoghi. Nel turbinio della frenesia giovanile il nuovo e più attraente, gli ampi orizzonti affascinano, i grandi eventi colpiscono. Poi, nel grande mistero della mente umana tutto viene mescolato e agitato, ma intanto gli anni passano inesorabili, si matura, si rallenta.
Arriva il momento di ritornare nel paese natio, di ripercorrere le strade dell'infanzia, di vedre case trasformate e facce nuove ed allora arriva alla mente il passato come un'eco lontana, prima tenue, poi sempre più forte e chiara.
La scrittura della storia locale, attraverso una ricca selezione di  documenti e fonti inedite, è la meritoria e puntuale opera realizzata da  Gavino Leone per colmare le tante lacune di conoscenza sul centro  goceanino di Illorai; riflessione e studio complessivamente monografico  che sviluppa un itinerario tra radici, tradizioni e memorie.
L'opera, “UNO SGUARDO AL PASSATO – STORIA DI ILLORAI” (Ed.  Torchietto, Ozieri, 2021), rappresenta un significativo segno di  valorizzazione del senso originario comunitario su cui si fonda  l'attuale appartenenza e convivenza, costruita nei secoli dal vivere  multiforme di una comunità e dai tanti accadimenti che ne segnarono  percorso e sviluppo.
  
Il volume è sì compiuta informazione, ma anche stimolo per chi vuole  ulteriormente approfondire con studi la conoscenza di Illorai e del suo  territorio; la vasta bibliografia guida e indica, come tutte le  frequenti note e citazioni che imperlano di ulteriori notizie la  pubblicazione. Personalmente ho trovato il lavoro di Gavino Leone  caratterizzato da grande sensibilità, passione storica e anche dall'idea  romantica di ricostruire e vitalizzare passato e percorso identitario  del paese di origine quando, in età matura, si giunge al “momento di  ritornare nel paese natio, di ripercorrere le strade dell'infanzia, di  vedere case trasformate e facce nuove ed allora arriva alla mente il  passato, come un'eco lontana, prima tenue, poi sempre più forte e  chiara”. E con l'età arriva anche quell'indispensabile equilibrio di  sentimenti e conoscenze da tramandare alle generazioni future. E allora  le pagine scorrono dense di storia civile ed ecclesiastica: la prima  comprende notizia dei nomi di diversi Sindaci di Illorai precedenti al  regio decreto del 1771 e fino all'attuale primo cittadino e consiglieri;  la seconda è invece integrata con elenco e notizie sui Parroci e  coadiutori che hanno svolto il loro ministero sacerdotale nella  parrocchiale illoraese di San Gavino martire e con ampie biografie, a  partire dal Seicento, dei sacerdoti nativi e di diversi personaggi  locali. Il ricercatore, attraverso la consultazione di vari archivi  religiosi, statali, comunali e privati, ha operato il recupero dei  toponimi in limba delle località di campagna e dell'antico  abitato di Illorai ed uno specifico studio sui cognomi presenti, a  partire dal Trecento, nel centro goceanino; lavoro che non mancherà di  interessare i linguisti locali e non solo. La storia locale e di memoria  è considerata da Gavino Leone come oggetto da condividere, da donare  principalmente alla sua comunità di origine con i sapienti sinnos  di un lavoro che coniuga la reciprocità di interessi fra la  storiografia documentata e la divulgazione popolare. Il volume, fonte di  educazione identitaria, ricostruisce l'evoluzione e convivenza di una  comunità di uomini e donne, rappresentata nelle sue varie componenti  sociali, religiose, economiche e demografiche; si legge anche la  funzione civile della Storia come trasmettitore di identità culturale,  di civiltà e di appartenenza con valori distintivi di “specificità” e  “peculiarità”. Pensiamo alla pubblicazione e alla possibile utilità ed  impiego formativo nelle scuole locali, dove significherebbe un  inserimento integrativo per superare l'egemonia del manuale scolastico e  con un effetto emotivo per salvaguardare il patrimonio di conoscenze su  Illorai. Una sfida per custodire le molteplici e dirette memorie della  vita, frutto delle diverse epoche e tappe sviluppate sulle orme degli  avi e da cui far scaturire lezioni di esperienza/sapere per le giovani  generazioni di oggi e future.
L'opera è introdotta dalla prefazione di Mons. Tonino Cabizzosu,  Facoltà Teologica della Sardegna, e corredata da immagini d'epoca della  collezione familiare dell'autore ed altre concesse dall'associazione Cumpanzia de sa fotografia di Illorai.
Gavino Leone, sacerdote e pubblicista, ha diretto per diversi anni il settimanale diocesano Voce del Logudoro di Ozieri, Diocesi di cui è stato Vicario generale, e la pubblicazione dedicata a Illorai è la sua opera prima.
Cristoforo Puddu
Illorai
Questa pagina è stata realizzata da    Giambattista Attene senza alcun contributo statale, regionale provinciale o    comunale
mailto:giambattene@tiscali.it      tel 3283026101
Illorai, 22.02.2000 - ultimo agg.    febbraio 2020 Tutti    i diritti sono riservati   
  
Torna ai contenuti